OPERAMONDO

 

Dans vos viviers, dans vos tangs,
Carpes,
que vous vivez longtemps!
Est-ce que la mort vous oublie,
Poissons de la mlancolie.

 

UN MONDO DI LIBRI

UN LIBRO DEL MONDO

 

VAGHE.STELLE

 

 

 

 

 

FRANCESCO PETRARCA

 

 

VOI CH'ASCOLTATE IN RIME SPARSE

 

SOLO E PENSOSO I PIU' DESERTI CAMPI

 

ERANO I CAPEI D'ORO A L'AURA SPARSI

 

QUEL VAGO IMPALLIDIR CH 'L DOLCE RISO

 

LEVOMMI IL MIO PENSER IN PARTE OV'ERA

 

QUEL ROSIGNOL, CHE SI' SOAVE PIAGNE

 

CHIARE, FRESCHE E DOLCI ACQUE

 

 

 

 

E EDITORE>

 

 OPERAMONDOlibri LATORRE EDITORE

 

 

 

 

 

Voi ch'ascoltate in rime sparse il sono

di quei sospiri ond'io nudriva 'l core

in sul mio primo giovenile errore

quand'era in parte altr'uom da quel ch'i' sono,

 

del vario stile in ch'io piango e ragiono

fra le vane speranze e 'l van dolore,

ove sia chi per prova intenda amore,

spero trovar piet, nonch perdono.

 

Ma ben veggio or s come al popol tutto

favola fui gran tempo, onde sovente

di me medesmo meco mi vergogno;

 

e del mio vaneggiar vergogna 'l frutto,

e 'l pentersi, e 'l conoscer chiaramente

che quanto piace al mondo breve sogno.

 

 

 

CANZONIERE, I

 

 

TOP

 

TORRE EDITORE

 

 

 

 

 

 

Solo e pensoso i pi deserti campi

vo mesurando a passi tardi e lenti,

e gli occhi porto per fuggire intenti

ove vestigio human l’arena stampi.

 

Altro schermo non trovo che mi scampi

dal manifesto accorger delle genti,

perch negli atti d’alegrezza spenti

di fuor si legge com’io dentro avampi:

 

s ch’io mi credo omai che monti e piagge

e fiumi e selve sappian di che tempre

sia la mia vita, ch’ celata altrui.

 

Ma pur s aspre vie n s selvagge

cercar non so ch’Amor non venga sempre

ragionando con meco, e io co llui.

 

 

CANZONIERE, XXXV

 

 

TOP

 

OPERAMONDOlibri LATORRE EDITORE

 

 

 

 

 

Erano i capei d'oro a l'aura sparsi

che 'n mille dolci nodi gli avolgea,

e ‘l vago lume oltra misura ardea

di quei begli occhi, ch'or ne son s scarsi;

 

e 'l viso di pietosi color' farsi,

non so se vero o falso, mi parea:

i' che l'sca amorosa al petto avea,

qual meraviglia se di sbito arsi?

 

Non era l'andar suo cosa mortale,

ma d'angelica forma; e le parole

sonavan altro, che pur voce humana.

 

Uno spirto celeste, un vivo sole

fu quel ch'i' vidi: e se non fosse or tale,

piagha per allentar d'arco non sana.  

 

 

CANZONIERE, XC

 

 

TOP

 

TORRE EDITORE

 

 

RRE EDITORE

 

 

Quel vago impallidir che 'l dolce riso

d'un'amorosa nebbia ricoperse,

con tanta maiestade al cor s'offerse

che li si fece incontr'a mezzo 'l viso.

 

 

Conobbi allor s come in paradiso

vede l'un l'altro, in tal guisa s'aperse

quel pietoso penser ch'altri non scerse:

ma vidil' io, ch'altrove non m'affiso.

 

Ogni angelica vista, ogni atto humile

che gi mai in donna ov'amor fosse apparve,

fra uno sdegno a lato a quel ch'i' dico.

 

 

Chinava a terra il bel guardo gentile,

e tacendo dicea, come a me parve:

Chi m'allontana il mio fedele amico?   top

 

 

CANZONIERE, CXXIII

 

 

TOP

 

OPERAMONDOlibri LATORRE EDITORE

 

 

 

 

 

Levommi il mio penser in parte ov'era

quella ch'io cerco, e non ritrovo in terra:

ivi, fra lor che 'l terzo cerchio serra,

la rividi pi bella e meno altera.

 

Per man mi prese, e disse: - In questa spera

sarai anchor meco, se 'l desir non erra:

i' so' colei che ti die' tanta guerra,

e compie' mia giornata inanzi sera.

 

Mio ben non cape in intelletto humano:

te solo aspetto, e quel che tanto amasti

e l giuso rimaso, il mio bel velo. -

 

Deh perch tacque, e allarg la mano?

Ch'al suon de' detti s pietosi e casti

poco manc ch'io non rimasi in cielo.   

 

CANZONIERE, CCCII

 

 

TOP

 

OPERAMONDOlibri LATORRE EDITORE

 

 

 

 

 

 

Quel rosignol, che s soave piagne,

forse suoi figli, o sua cara consorte,

di dolcezza empie il cielo e le campagne

con tante note s pietose e scorte,

 

e tutta notte par che m'accompagne,

e mi rammente la mia dura sorte:

ch'altri che me non di ch'i' mi lagne,

ch 'n dee non credev'io regnasse Morte.

 

O che lieve inganar chi s'assecura!

Que' duo bei lumi assai pi che 'l sol chiari

chi pens mai veder far terra oscura?

 

Or cognosco io che mia fera ventura

vuol che vivendo e lagrimando impari

come nulla qua gi diletta, e dura.

OPERAMONDOlibri  

CANZONIERE, CCCXI

 

 

TOP

 

OPERAMONDOlibri LATORRE EDITORE

 

 

 

 

 

 

Chiare, fresche e dolci acque,

ove le belle membra

pose colei che sola a me par donna;

gentil ramo ove piacque

(con sospir' mi rimembra)

a lei di fare al bel fiancho colonna;

herba e fior' che la gonna

leggiadra ricoverse

co l'angelico seno;

aere sacro, sereno,

ove Amor co' begli occhi il cor m'aperse:

date udenza insieme

a le dolenti mie parole extreme.

 

S'egli pur mio destino

e 'l cielo in ci s'adopra,

ch'Amor quest'occhi lagrimando chiuda,

qualche gratia il meschino

corpo fra voi ricopra,

e torni l'alma al proprio albergo ignuda.

La morte fia men cruda

se questa spene porto

a quel dubbioso passo:

ch lo spirito lasso

non poria mai in pi riposato porto

n in pi tranquilla fossa

fuggir la carne travagliata e l'ossa.

 

Tempo verr anchor forse

ch'a l'usato soggiorno

torni la fera bella e manseta,

e l 'v'ella mi scorse

nel benedetto giorno,

volga la vista disosa e lieta,

cercandomi; et, o piet!,

gi terra in fra le pietre

vedendo, Amor l'inspiri

in guisa che sospiri

s dolcemente che merc m'impetre,

e faccia forza al cielo,

asciugandosi gli occhi col bel velo.

 

Da' be' rami scendea

(dolce ne la memoria)

una pioggia di fior' sovra 'l suo grembo;

e ella si sedea

humile in tanta gloria,

coverta gi de l'amoroso nembo.

Qual fior cadea sul lembo,

qual su le treccie bionde,

ch'oro forbito e perle

eran quel d a vederle;

qual si posava in terra, e qual su l'onde;

qual con un vago errore

girando parea dir: Qui regna Amore.

 

Quante volte diss'io

allor pien di spavento:

Costei per fermo nacque in paradiso.

Cos carco d'oblio

il divin portamento

e 'l volto e le parole e 'l dolce riso

m'aveano, e s diviso

da l'imagine vera,

ch'i' dicea sospirando:

Qui come venn'io, o quando?;

credendo d'esser in ciel, non l dov'era.

Da indi in qua mi piace

questa herba s, ch'altrove non pace.

Se tu avessi ornamenti quant'i voglia,

poresti arditamente

uscir del boscho, e gir in fra la gente.  

 

CANZONIERE, CXXVI

 

 

VOCE

NAZZARENO LUIGI TODARELLO

 

 

TOP

 

OPERAMONDOlibri LATORRE EDITORE

 

 

 

OPERAMONDOlibri LATORRE EDITORE

 



 

Copyright 2022
LATORRE EDITORE
VIALE DELLA RIMEMBRANZA 23
15067 NOVI LIGURE AL ITALY

 

redazione @latorre-editore.it

+39 339 22 50 407