LATORRE EDITORE

OPERAMONDOlibri

 
IL DIAVOLO DENTRO
 
 



Vorrei scrivere una breve introduzione. Ma cosa dire in breve del poeta che mi ha accompagnato per tutta la vita? Posso ricordare uno studente universitario, ventenne, in un bar di Genova, zona Brignole, tormentato da un idiota che gli gridava: “Oggi i giovani non hanno forza. Io so perché. Bevono troppo latte. E mangiano brioche. Bevete vino e mangiate bistecche e la forza vi viene!”. Fuggito dal bar i suoi occhi caddero sulla copertina di un libro Feltrinelli. Su una bancarella di libri usati. Erano i Saggi danteschi di Erich Auerbach. Quello del bar gli aveva fatto venire voglia di qualcosa di spirituale. Quel libro cambiò la sua vita.  Non è una esagerazione. Riscoprì Dante, che aveva sempre letto con fatica al liceo. Scoprì un modo nuovo di leggerlo.

Posso ricordare quello studente quando comprò gli LP della Cetra “Tutta la Divina Commedia”, spendendo una bella cifra. Una delusione, tranne i dieci canti registrati da Giorgio Albertazzi, il grande attore toscano. Li trasferì su audiocassette, quei dieci, e tanto li sentì che li imparò a memoria...

 

Non sono un dantista di mestiere. Posso non preoccuparmi della “oggettività scientifica”. Parlo del mio Dante. Parlo del suo essere cibo per la mia mente. Ho, negli anni, imparato a dirlo. Ho cercato la voce di Dante. Ho dato la mia voce a Dante, in letture e in spettacoli. Lo sento come un padre, un fratello, un concittadino, un italiano come me, innamorato e disgustato dell’Italia. Queste pagine, che ora pubblico, le ho scritte per me. Non hanno nessuna pretesa. Sono il mio punto di vista. Per me (ma mi confortano amori di autori ben più grandi di me) Dante è l’incarnazione stessa della poesia. La più grande tra le incarnazioni della poesia. Ho amato e amo Dante. Ho dato ai suoi versi la condizione primaria della poesia: quella della voce. Ho passato notti a cercare il tono, il ritmo, per dirlo. Lo sento come la casa in cui abito. Per fortuna non era un pittore. Il suo software viaggia liberamente nello spazio. Io l’ho fatto girare, il software, l’ho fatto diventare realtà fisica con la mia immeritevole voce amorosa. Mi sento di poter dire, come hanno detto o sentito in tanti prima e diranno e sentiranno in tanti dopo di me, che Dante mi appartiene. Come io appartengo a lui, alla sua lingua, alla nostra lingua. Dante, per sempre, per il mio breve sempre, è mio.

 

 

Genova, 2020


N.L.TODARELLO

 

 

 

 




ESPANSIONI
AUDIO

 


 

 

Perché doler ti debbia

 


 

Quali colombe

 


 

La morta gora

 


 

Taide la puttana

 


 

Ulisse

 


 

La man mozza

 


 

Ugolino

 


 

Figliuol, segui i miei passi

 


 

Per lo gran mar dell'essere

 


 

Dove gioir s'insempra

 


 

La circulata melodia

 


 

Nel giallo della rosa sempiterna

 


 

L'amor che move il sole e l'altre stelle

 


 

 

VOCE NAZZARENO LUIGI TODARELLO

 

 


 

 

ESPANSIONI

 

VAGHE.STELLE

 

 


 

 



 


 





 

Copyright 2022
LATORRE EDITORE
VIALE DELLA RIMEMBRANZA 23
15067 NOVI LIGURE AL ITALY

 

redazione @latorre-editore.it

+39 339 22 50 407