LATORRE EDITORE

OPERAMONDOlibri

 

 

ESPANSIONI




 

CATULLO

POESIE

 

 

 

A chi dedicherò questo libretto, PAGEREF _Toc495090503 \h 14

Cui dono lepidum novum libellum   PAGEREF _Toc495090504 \h 15

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Ehi, passero, delizia della mia  PAGEREF _Toc495090505 \h 16

Passer, deliciae meae puellae, PAGEREF _Toc495090506 \h 17

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Piangi, Venere, e piangi tu, Cupìdo, PAGEREF _Toc495090507 \h 18

Lugete, o Veneres Cupidinesque, PAGEREF _Toc495090508 \h 19

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Lo vedete quel battello, amici?  PAGEREF _Toc495090509 \h 20

Phaselus ille, quem videtis, hospites, PAGEREF _Toc495090510 \h 21

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Viviamo nell’amore, Lesbia mia! PAGEREF _Toc495090511 \h 22

Vivamus mea Lesbia, atque amemus, PAGEREF _Toc495090512 \h 23

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Se il tuo amore non fosse privo, Flavio, PAGEREF _Toc495090513 \h 24

Flavi, delicias tuas Catullo,

. PAGEREF _Toc495090514 \h 25OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITOR

Quando sarò sazio di baci? Questo  PAGEREF _Toc495090515 \h 26

Quaeris, quot mihi basiationes

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITOR

Ah, povero Catullo, cosa speri?  PAGEREF _Toc495090517 \h 28

Miser Catulle, desinas ineptire,

. PAGEREF _Toc495090518 \h 29OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITOR

E’ dunque vero, Veranio dilettissimo, PAGEREF _Toc495090519 \h 30

Verani, omnibus e meis amicis

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITOR

Compagni di Catullo, Aurelio e Furio, PAGEREF _Toc495090521 \h 32

Furi et Aureli, comites Catulli,

. PAGEREF _Toc495090522 \h 33OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITOR

Mentre si beve e ride, tu, Asinio, PAGEREF _Toc495090523 \h 34

Marrucine Asini, manu sinistra

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITOR

Se sarai fortunato, mio Fabullo, PAGEREF _Toc495090525 \h 36

Cenabis bene, mi Fabulle, apud me

PAGEREF _Toc495090526 \h 37OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITOR

Se non ti amassi più degli occhi miei, PAGEREF _Toc495090527 \h 38

Ni te plus oculis meis amarem,

. PAGEREF _Toc495090528 \h 39OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITOR

Ti affido il mio ragazzo, la mia vita, PAGEREF _Toc495090529 \h 40

Commendo tibi me ac meos amores, PAGEREF _Toc495090530 \h 41

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

A te in bocca e a te dritto nel culo  PAGEREF _Toc495090531 \h 42

Pedicabo ego vos et irrumabo, PAGEREF _Toc495090532 \h 43

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Che voglia hai, Verona, di far festa  PAGEREF _Toc495090533 \h 44

O Colonia, quae cupis ponte ludere longo, PAGEREF _Toc495090534 \h 45

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Di tutti i morti di fame, Aurelio, PAGEREF _Toc495090535 \h 46

Aureli, pater esuritionum, PAGEREF _Toc495090536 \h 47

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Quello stesso Suffeno che tu conosci bene, PAGEREF _Toc495090537 \h 48

Suffenus iste, Vare, quem probe nosti, PAGEREF _Toc495090538 \h 49

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Versami vino puro, PAGEREF _Toc495090539 \h 50

Minister vetuli puer Falerni PAGEREF _Toc495090540 \h 51

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Alfeno, così freddo con i tuoi vecchi amici?  PAGEREF _Toc495090541 \h 52

Alphene immemor atque unanimis false sodalibus, PAGEREF _Toc495090542 \h 53

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Ah, che gioia rivederti, Sirmione, PAGEREF _Toc495090543 \h 54

Paene insularum, Sirmio, insularumque  PAGEREF _Toc495090544 \h 55

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Amore mio, Ipsitilla, io ti prego, PAGEREF _Toc495090545 \h 56

Amabo, mea dulcis Ipsitilla, PAGEREF _Toc495090546 \h 57

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Vibennio è il re dei ladri, PAGEREF _Toc495090547 \h 58

O furum optime balneariorum   PAGEREF _Toc495090548 \h 59

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Fidenti in Diana, PAGEREF _Toc495090549 \h 60

Dianae sumus in fide  PAGEREF _Toc495090550 \h 61

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Il tuo Catullo, Cornìficio, sta male, PAGEREF _Toc495090551 \h 62

Male est, Cornifici, tuo Catullo anafora  PAGEREF _Toc495090552 \h 63

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Quella puttana strafottuta ha chiesto  PAGEREF _Toc495090553 \h 64

Ameana puella defututa  PAGEREF _Toc495090554 \h 65

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Oh, ciao ragazza  PAGEREF _Toc495090555 \h 66

Salve, nec minimo puella naso  PAGEREF _Toc495090556 \h 67

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

I giorni son più tiepidi, si scioglie  PAGEREF _Toc495090557 \h 68

Iam ver egelidos refert tepores, PAGEREF _Toc495090558 \h 69

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Se potessi baciare  PAGEREF _Toc495090559 \h 70

Mellitos oculos oculos tuos, Iuventi, PAGEREF _Toc495090560 \h 71

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Quello è simile a un dio, se sa ascoltarti, PAGEREF _Toc495090561 \h 72

Ille mi par esse deo videtur, PAGEREF _Toc495090562 \h 73

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

E’ l’ozio il tuo male, Catullo: il vuoto  PAGEREF _Toc495090563 \h 74

Otium, Catulle, tibi molestum est: PAGEREF _Toc495090564 \h 75

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Ah, Celio, la mia Lesbia, la mia Lesbia  PAGEREF _Toc495090565 \h 76

Caeli, Lesbia nostra, Lesbia illa. PAGEREF _Toc495090566 \h 77

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Una leonessa libica  PAGEREF _Toc495090567 \h 78

Num te te leaena montibus Libystinis PAGEREF _Toc495090568 \h 79

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Con te o con nessuno, PAGEREF _Toc495090569 \h 80

Nulli se dicit mulier mea nubere malle  PAGEREF _Toc495090570 \h 81

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Giuravi, Lesbia, un tempo  PAGEREF _Toc495090571 \h 82

Dicebas quondam solum te nosse Catullum, PAGEREF _Toc495090572 \h 83

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Ah, il cuore, Lesbia mia, il mio cuore, PAGEREF _Toc495090573 \h 84

Huc est mens deducta tua mea, Lesbia, culpa. PAGEREF _Toc495090574 \h 85

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Tra tanti uomini, Giovenzio, possibile  PAGEREF _Toc495090575 \h 86

Nemone in tanto potuit populo esse, Iuventi, PAGEREF _Toc495090576 \h 87

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Se vuoi, mio Quinzio, che Catullo tuo  PAGEREF _Toc495090577 \h 88

Quinti, si tibi vis oculos debere Catullum

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

89

Presente suo marito, mi ricoprePAGEREF _Toc495090579 \h 90

Lesbia mi praesente viro mala plurima dicit: PAGEREF _Toc495090580 \h 91

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Odio e amo. PAGEREF _Toc495090581 \h 92

Odi et amo. quare id faciam, fortasse requiris. PAGEREF _Toc495090582 \h 93

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Quinzia per molti è bella. PAGEREF _Toc495090583 \h 94

Quintia formosa est multis. mihi candida, longa, PAGEREF _Toc495090584 \h 95

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Quale donna può dire “mi hanno amata” PAGEREF _Toc495090585 \h 96

Nulla potest mulier tantum se dicere amatam.. PAGEREF _Toc495090586 \h 97

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

E tu come lo chiami, Gellio, un tale  PAGEREF _Toc495090587 \h 98

Quid facit is, Gelli, qui cum matre atque sorore. PAGEREF _Toc495090588 \h 99

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

E’ uno scheletro, Gellio! Ma per forza! PAGEREF _Toc495090589 \h 100

Gellius est tenuis: quid ni? cui tam bona mater PAGEREF _Toc495090590 \h 101

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Gellio scopa sua madre. Da quel coito  PAGEREF _Toc495090591 \h 102

Nascatur magus ex Gelli matrisque nefando. PAGEREF _Toc495090592 \h 103

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Nel mio infelice e disperato amore, PAGEREF _Toc495090593 \h 104

Non ideo, Gelli, sperabam te mihi fidum   PAGEREF _Toc495090594 \h 105

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Mi copre d’insulti la mia Lesbia  PAGEREF _Toc495090595 \h 106

Lesbia mi dicit semper male nec tacet umquam.. PAGEREF _Toc495090596 \h 107

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Se qualcosa di noi, Calvo, può giungere  PAGEREF _Toc495090597 \h 108

Si quicquam mutis gratum acceptumque sepulcris PAGEREF _Toc495090598 \h 109

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Puzza la bocca e puzza il culo a Emilio, PAGEREF _Toc495090599 \h 110

Non (ita me di ament) quicquam referre putavi, PAGEREF _Toc495090600 \h 111

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITOREE

Mentre giocavi, Giovenzio, ho rubato  PAGEREF _Toc495090601 \h 112

Surripui tibi, dum ludis, mellite Iuventi, PAGEREF _Toc495090602 \h 113

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Ah fratello, fratello! Trascinato  PAGEREF _Toc495090603 \h 114

Multas per gentes et multa per aequora vectus PAGEREF _Toc495090604 \h 115

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Lo sai, ti sono amico, PAGEREF _Toc495090605 \h 116

Si quicquam tacito commissum est fido ab amico, PAGEREF _Toc495090606 \h 117

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Posso mai maledire la mia vita?  PAGEREF _Toc495090607 \h 118

Credis me potuisse meae maledicere vitae,. PAGEREF _Toc495090608 \h 119

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Ottenere  PAGEREF _Toc495090609 \h 120

Si quicquam cupido optantique optigit umquam.. PAGEREF _Toc495090610 \h 121

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

A me prometti tu, anima mia, PAGEREF _Toc495090611 \h 122

Iucundum, mea vita, mihi proponis amorem

 

... 123

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

I

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

A chi dedicherò questo libretto,

nuovissimo e prezioso, ancora lucido

di pietra pomice? A te, Cornelio,

che alle piccole mie cose dai valore

fin da quando, tu solo, osavi mettere

in tre pesanti e dottissimi tomi

tutta, mio dio, la storia universale.

Per quel poco che vale, il mio libretto

consideralo tuo. E tu, musa,

concedi a questi versi lunga vita.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

I

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Cui dono lepidum novum libellum 
arida modo pumice expolitum? 
Corneli, tibi: namque tu solebas 
meas esse aliquid putare nugas 
iam tum, cum ausus es unus Italorum 
omne aevum tribus explicare cartis 
doctis, Iuppiter, et laboriosis. 
quare habe tibi quidquid hoc libelli 
qualecumque; quod, o patrona virgo, 
plus uno maneat perenne saeclo.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

II

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

Ehi, passero, delizia della mia

ragazza! Lei ti tiene sul suo seno,

gioca con te, ti provoca col dito,

che tu becchi rabbioso. Il desiderio

incandescente trova un non so che

di requie in questo gioco, quando il fuoco

che m’arde s‘acquieta. Ah, fammi giocare

con te, come fa lei, per strapparmi

da dentro il cuore la malinconia.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

II

 

Passer, deliciae meae puellae,
quicum ludere, quem in sinu tenere,
cui primum digitum dare appetenti
et acris solet incitare morsus,
cum desiderio meo nitenti
karum nescio quid libet iocari
et solaciolum sui doloris,
credo ut tum gravis acquiescat ardor:
tecum ludere sicut ipsa possem
et tristis animi levare curas!

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

III

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Piangi, Venere, e piangi tu, Cupìdo,

piangete tutti, uomini gentili:

il passero che lei, la mia ragazza,

amava più degli occhi, non c’è più!

E’ morto l’uccellino del mio amore!

Come un bambino la riconosceva,

le saltellava intorno e non voleva

allontanarsi mai. Solo per lei

cinguettava. Ora cammina in silenzio

lungo la via oscura da cui nessuno

fa mai ritorno. Sia maledetta

la morte senza cuore che divora

tutte le cose belle! Il passerotto,

il povero uccellino, non c’è più!

Piange la mia ragazza e i suoi occhi,

si gonfiano e s’arrossano di lacrime.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE 

 III

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Lugete, o Veneres Cupidinesque,
et quantum est hominum venustiorum:
passer mortuus est meae puellae,
passer, deliciae meae puellae,
quem plus illa oculis suis amabat.
nam mellitus erat suamque norat
ipsam tam bene quam puella matrem,
nec sese a gremio illius movebat,
sed circumsiliens modo huc modo illuc
ad solam dominam usque pipiabat.
qui nunc it per iter tenebricosum
illuc, unde negant redire quemquam.
at vobis male sit, malae tenebrae
Orci, quae omnia bella devoratis:
tam bellum mihi passerem abstulistis
o factum male! o miselle passer!
tua nunc opera meae puellae
flendo turgiduli rubent ocelli.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

IV

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Lo vedete quel battello, amici?

Fu la barca più veloce, un tempo.

Nessun impeto di remi o venti

poté mai superarlo: volava.

Ne sono testimoni sinceri

la costa infìda del mare Adriatico,

le Cìcladi e la famosa Rodi,

il mare di Marmara agitato

e l’orrido mar Nero, là dove,

prima d’essere barca, fu legno

scurissimo di foglie fruscianti

sul monte Citorio. Tu, mar Nero,

e tu, Citorio folto di bossi,

lo conoscete bene dal tempo

in cui, frondoso, svettava in alto

e poi quando bagnò i remi svelti

e condusse il suo padrone in giro

sul mare ventoso con le vele

gonfie del forte soffio di Giove.

Senza pregare gli dei dei porti,

venne qui da quel mare lontano,

racconta, in questo limpido lago.

Ma è acqua passata, ora quieto

invecchia in pace in questo ritiro

e se stesso a te dedica, Castore,

e al divino gemello Pollùce.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 IV

 

Phaselus ille, quem videtis, hospites,
ait fuisse navium celerrimus,
neque ullius natantis impetum trabis
nequisse praeterire, sive palmulis
opus foret volare sive linteo.
et hoc negat minacis Hadriatici
negare litus insulasve Cycladas
Rhodumque nobilem horridamque Thraciam
Propontida trucemve Ponticum sinum,
ubi iste post phaselus antea fuit
comata silva; nam Cytorio in iugo
loquente saepe sibilum edidit coma.
Amastri Pontica et Cytore buxifer,
tibi haec fuisse et esse cognitissima
ait phaselus: ultima ex origine
tuo stetisse dicit in cacumine, anafora
tuo imbuisse palmulas in aequore,
et inde tot per impotentia freta
erum tulisse, laeva sive dextera
vocaret aura, sive utrumque Iuppiter
simul secundus incidisset in pedem;
neque ulla vota litoralibus deis
sibi esse facta, cum veniret a mari
novissimo hunc ad usque limpidum lacum.
sed haec prius fuere: nunc recondita

senet quiete seque dedicat tibi,

gemelle Castor et gemelle Castoris.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

V

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Viviamo nell’amore, Lesbia mia!

E i vecchi astiosi e i loro brontolii

non valgano per noi neanche un centesimo.

Ogni giorno finisce e poi ritorna,

ma quando il breve giorno della vita

avrà visto il tramonto, dormiremo

una notte senza fine. Ora dammi

mille baci, poi cento e poi altri mille,

e ancora cento, mia cara, e ancora mille.

Quando saranno cento volte mille

confonderemo i conti, che nessuno

possa farci il malocchio, conoscendo

un così grande numero di baci.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 V

 

Vivamus mea Lesbia, atque amemus,
rumoresque senum severiorum
omnes unius aestimemus assis!
soles occidere et redire possunt:
nobis cum semel occidit brevis lux,
nox est perpetua una dormienda.
da mi basia mille, deinde centum,
dein mille altera, dein secunda centum,
deinde usque altera mille, deinde centum.
dein, cum milia multa fecerimus,
conturbabimus illa, ne sciamus,
aut ne quis malus invidere possit,
cum tantum sciat esse basiorum.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

VI

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Se il tuo amore non fosse privo, Flavio,

di grazia ed eleganza, non potresti

trattenerti dal dirlo al tuo Catullo.

Ma è una puttana sgangherata quella

che stai amando, quindi ti vergogni.

Che non sei solo di notte lo dicono,

anche se non parlano, la tua camera,

che sa di fiori e di profumi assiri,

e il cuscino scavato da due teste,

e il letto, poverino, scricchiolante

e gemente per la grande fatica.

Non puoi proprio negarlo: tu la scopi

come un pazzo, altrimenti non avresti

quell’aspetto cadaverico. Dimmi:

almeno sei felice? Con i versi

più strani e funambolici vorrei

portare te e il tuo amore fino in cielo.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 VI

 

Flavi, delicias tuas Catullo,
ni sint illepidae atque inelegantes,
velles dicere nec tacere posses.
verum nescio quid febriculosi
scorti diligis: hoc pudet fateri.
nam te non viduas iacere noctes
nequiquam tacitum cubile clamat
sertis ac Syrio fragrans olivo,
pulvinusque peraeque et hic et ille
attritus, tremulique quassa lecti
argutatio inambulatioque.
nam in ista praevalet nihil tacere.
cur? non tam latera ecfututa pandas,
ni tu quid facias ineptiarum.
quare, quidquid habes boni malique,
dic nobis. volo te ac tuos amores
ad caelum lepido vocare versu.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

VII

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Quando sarò sazio di baci? Questo

mi chiedi, mia Lesbia? Quando saranno

tanti come i granelli delle dune

che assediano i filari di Cirene,

tra il rovente oracolo di Giove

e l’urna sacra dell’antico Batto;

quando saranno tante come in cielo,

nel silenzio della notte, le stelle

che guardano dall’alto degli uomini

gli amori clandestini. Ecco, tu baciami

con così tanti baci che i pettegoli

non possano contarli e far malie.

Solo così sarà sazio Catullo.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 VII

 

Quaeris, quot mihi basiationes
tuae, Lesbia, sint satis superque.
quam magnus numerus Libyssae harenae
laserpiciferis iacet Cyrenis
oraclum Iovis inter aestuosi
et Batti veteris sacrum sepulcrum;
aut quam sidera multa, cum tacet nox,
furtivos hominum vident amores:
tam te basia multa basiare
vesano satis et super Catullo est,
quae nec pernumerare curiosi
possint nec mala fascinare lingua.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

VIII

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Ah, povero Catullo, cosa speri?

Quando una cosa è finita, è finita.

Come il sole brillarono i tuoi giorni,

quando colei, che tu amasti come

nessuna al mondo mai sarà più amata,

diceva “vieni” e tu, pronto, correvi.

Nessun gioco d’amore ti negava:

ciò che volevi tu, lei lo voleva.

Come il sole brillarono i tuoi giorni!

Ora non vuole più e tu sii forte,

non inseguirla come un accattone.

Se ti ha lasciato, lasciala, che vada!

Addio, ragazza, vedi, il tuo Catullo

resiste. Non verrò mai più a cercarti,

non ti voglio per forza, però tu,

ora che non ti voglio, piangerai.

Che cosa ti darà di più la vita?

Chi ti amerà? Di chi sarai l‘amante?

Chi bacerai? Chi morderà le labbra…

Ma tu resisti, Catullo, resisti.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 VIII

 

Miser Catulle, desinas ineptire,
et quod vides perisse perditum ducas.
fulsere quondam candidi tibi soles,
cum ventitabas quo puella ducebat
amata nobis quantum amabitur nulla.
ibi illa multa cum iocosa fiebant,
quae tu volebas nec puella nolebat,
fulsere vere candidi tibi soles.
nunc iam illa non vult: tu quoque impotens noli,
nec quae fugit sectare, nec miser vive,
sed obstinata mente perfer, obdura.
vale puella, iam Catullus obdurat,
nec te requiret nec rogabit invitam.
at tu dolebis, cum rogaberis nulla.
scelesta, vae te, quae tibi manet vita?
quis nunc te adibit? cui videberis bella?
quem nunc amabis? cuius esse diceris?
quem basiabis? cui labella mordebis?
at tu, Catulle, destinatus obdura.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

IX

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

E’ dunque vero, Veranio dilettissimo,

che amo più di tutti i tanti amici,

fossero anche mille volte mille,

È dunque vero, sei tornato a casa?

Dalla tua vecchia madre? Dai fratelli

a te così legati? Sì, sei qui!

Che meraviglia di notizia: qui!

Potrò dunque vederti sano e salvo?

Potrò stringermi a te, mentre racconti

le cose, le genti e i luoghi di Spagna?

Potrò baciare gli occhi sorridenti?

Coprirti tutto il viso coi miei baci?

Felice, felicissimo, nessuno

tra gli uomini felici è più felice!

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 IX

 

Verani, omnibus e meis amicis
antistans mihi milibus trecentis,
venistine domum ad tuos penates
fratresque unanimos anumque matrem?
venisti. o mihi nuntii beati!
visam te incolumem audiamque Hiberum
narrantem loca, facta nationes,
ut mos est tuus, applicansque collum
iucundum os oculosque suaviabor.
o quantum est hominum beatiorum,
quid me laetius est beatiusve?

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XI

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Compagni di Catullo, Aurelio e Furio,

pronti a seguirmi anche fino all’ultima

spiaggia dell’India, scossa dal rombante

Oceano Mare;

 

e tra gli Ircani e gli Arabi lascivi;

e tra i Parti guerrieri, e dove il mare

prende le acque e i colori delle sette

bocche del Nilo;

 

e là, oltre le Alpi, per vedere

i monumenti a Cesare, e in Britannia

dove stanno i più selvaggi e feroci

di tutti gli uomini;

 

voi, che siete disposti ad affrontare

con me quello che vuole la Fortuna,

voi riferite alla mia Lesbia queste

parole amare:

 

viva felice e goda i suoi amanti,

e scopi pure con trecento insieme,

e se li spolpi fino all’osso, senza

amarne alcuno;

 

ma non faccia più conto del mio amore:

per colpa sua è caduto, come un fiore

ucciso al bordo di un prato, dal vomere

che l’ha falciato.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XI

 

Furi et Aureli, comites Catulli,

sive in extremos penetrabit Indos,

litus ut longe resonante Eoa

tunditur unda,

 

sive in Hyrcanos Arabasve molles,

seu Sagas sagittiferosve Parthos,

sive quae septemgeminus colorat

aequora Nilus,

 

sive trans altas gradietur Alpes,

Caesaris visens monimenta magni,

Gallicum Rhenum, horribilesque ulti-

mosque Britannos;

 

omnia haec, quaecumque feret voluntas

caelitum, temptare simul parati,

pauca nuntiate meae puellae

non bona dicta.

 

Cum suis vivat valeatque moechis,

quos simul complexa tenet trecentos,

nullum amans vere, sed identidem omnium

ilia rumpens:

 

nec meum respectet, ut ante, amorem,

qui illius culpa cecidit velut prati

ultimi flos, praetereunte postquam

tactus aratro est.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XII

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE 

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Mentre si beve e ride, tu, Asinio,
sinistro come sei, ficchi la mano
e freghi il fazzoletto ai più distratti.
E’ divertente, dici! Idiota, vai,
sparisci, ma non vedi: sei solo
un penoso ladruncolo. Non credi
a me? Credi a Pollione, tuo fratello,
quel ragazzo d’incanto, spiritoso,
pronto a impegnarsi tutto per far sì
che la gente dimentichi i tuoi furti.
Ora, se vuoi salvarti da trecento
endecasillabi furiosi, rendimi
subito il mio fazzoletto che vale
non per il prezzo ma per il valore
intrinseco di pegno d’amicizia.
E’ di quelli che Fabullo e Veranio
dalla lontana Jàtiva, in Spagna,
mi hanno mandato in dono, per ricordo.
E per questo lo amo come amo
il mio dolce Fabullo, il mio Veranio.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 XII

 

Marrucine Asini, manu sinistra
non belle uteris: in ioco atque vino
tollis lintea neglegentiorum.
hoc salsum esse putas? fugit te, inepte:
quamvis sordida res et invenusta est.
non credis mihi? crede Pollioni
fratri, qui tua furta vel talento
mutari velit: est enim leporum
disertus puer ac facetiarum.
quare aut hendecasyllabos trecentos
exspecta, aut mihi linteum remitte,
quod me non movet aestimatione,
verum est mnemosynum mei sodalis.
nam sudaria Saetaba ex Hiberis
miserunt mihi muneri Fabullus
et Veranius: haec amem necesse est
ut Veraniolum meum et Fabullum.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


 OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XIII

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Se sarai fotunato, mio Fabullo,

farai una bella cena a casa mia!

Tu porterai la cena. Che sia ricca

e saporita! E porta anche una fresca

ragazza, sale e vino e tutta quanta

la tua voglia di ridere di tutto.

Questo è l’unico modo per cenare

a casa di Catullo. La mia borsa

è tutta ragnatele. In cambio avrai

affetto imperituro, e quel profumo

che la mia donna ha ricevuto in dono

direttamente dalla dea d’amore.

Quando l’annuserai, Fabullo mio,

tu pregherai gli dei che ti trasformino

tutto quanto tu sei in un gran naso.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XIII

 

Cenabis bene, mi Fabulle, apud me
paucis, si tibi di favent, diebus,
si tecum attuleris bonam atque magnam
cenam, non sine candida puella
et vino et sale et omnibus cachinnis.
haec si, inquam, attuleris, venuste noster,
cenabis bene; nam tui Catulli
plenus sacculus est aranearum.
sed contra accipies meros amores
seu quid suavius elegantiusve est:
nam unguentum dabo, quod meae puellae
donarunt Veneres Cupidinesque,
quod tu cum olfacies, deos rogabis,
totum ut te faciant, Fabulle, nasum.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XIV

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Se non ti amassi più degli occhi miei,

mio Calvo delizioso,

per questo tuo regalo dovrei odiarti

come t’odia Vatinio. Cosa ho fatto?

O cosa ho detto perché tu m’uccida

con questi tuoi poeti? Maledetto

il cliente che ti ha mandato un tale

branco di canaglie. Ma se il geniale

dono ti arriva dal “maestro” Silla,

ne son contento: non vanno sprecate

così le tue fatiche.

 

O dio santo, che libretto schifoso!

E tu lo mandi al tuo Catullo il giorno

dei Saturnali, il più lieto dei giorni.

Vuoi vedermi morire proprio oggi?

Ma non la passi liscia, mio buffone!

Appena si fa chiaro, mi precipito

ai chioschi dei librai e lì ti compro

Cesio, Suffeno, Aquino e tutto il peggio:

berrai il veleno che ho bevuto io.

 

E ora via di qui, peste del mondo,

tornate là, “poeti”,

da dove siete usciti, maledetti!

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XIV

 

Ni te plus oculis meis amarem,
iucundissime Calve, munere isto
odissem te odio Vatiniano:
nam quid feci ego quidve sum locutus,
cur me tot male perderes poetis?
isti di mala multa dent clienti,
qui tantum tibi misit impiorum.
quod si, ut suspicor, hoc novum ac repertum
munus dat tibi Sulla litterator,
non est mi male, sed bene ac beate,
quod non dispereunt tui labores.
di magni, horribilem et sacrum libellum!
quem tu scilicet ad tuum Catullum
misti, continuo ut die periret,
Saturnalibus, optimo dierum!
non non hoc tibi, false, sic abibit.
nam si luxerit ad librariorum
curram scrinia, Caesios, Aquinos,
Suffenum, omnia colligam venena.
ac te his suppliciis remunerabor.
vos hinc interea valete abite

illuc, unde malum pedem attulistis,
saecli incommoda, pessimi poetae.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XV

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Ti affido il mio ragazzo, la mia vita,

Aurelio mio, e ti chiedo, se mai amasti

gelosamente una creatura intatta,

di conservarlo puro com’è ora.

Non parlo della gente indaffarata

che pensa ai fatti suoi e tira dritto.

Parlo di te, del tuo cazzo implacabile

con ogni tipo di ragazzo, vergine

o rotto non importa. Quando tira,

ficcalo dove vuoi, ti proibisco

soltanto lui. Non sto chiedendo molto.

Se per caso oserai, pazzo furioso,

spingere la tua voglia criminale

al punto di attentare alla mia carne,

ecco cosa ti aspetta: come donna

te ne starai a cosce aperte e io

ti ficcherò là dentro dove sai

radici secche e pesci ancora vivi.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XV

 

Commendo tibi me ac meos amores,
Aureli. veniam peto pudentem,
ut, si quicquam animo tuo cupisti,
quod castum expeteres et integellum,
conserves puerum mihi pudice,
non dico a populo-- nihil veremur
istos, qui in platea modo huc modo illuc
in re praetereunt sua occupati--
verum a te metuo tuoque pene
infesto pueris bonis malisque.
quem tu qua lubet, ut lubet moveto
quantum vis, ubi erit foris paratum:
hunc unum excipio, ut puto, pudenter.
quod si te mala mens furorque vecors
in tantam impulerit, sceleste, culpam,
ut nostrum insidiis caput lacessas.
a tum te miserum malique fati!
quem attractis pedibus patente porta
percurrent raphanique mugilesque
.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE 

XVI

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

A te in bocca e a te dritto nel culo

voglio ficcarvelo, Aurelio e Furio.

Pensate, succhiacazzi e rottinculo,

che sia dei vostri perché ho scritto qualche

verso libidinoso? Il poeta

deve essere casto, ma chi ha detto

che lo devono essere i suoi versi?

Se non fossero lascivi e spudorati

sarebbero scipiti e senza nerbo,

incapaci di farglielo grattare,

non dico ai ragazzini, ma ai pelosi

scimmioni che non danno più di schiena.

Ma voi, perché leggete, brutte checche,

di migliaia di baci, giudicate

me come un effeminato? In bocca,

Furio e Aurelio, ve lo ficco, e nel culo.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 XVI

 

Pedicabo ego vos et irrumabo,
Aureli pathice et cinaede Furi,
qui me ex versiculis meis putastis,
quod sunt molliculi, parum pudicum.
nam castum esse decet pium poetam
ipsum, versiculos nihil necesse est;
qui tum denique habent salem ac leporem,
si sunt molliculi ac parum pudici,
et quod pruriat incitare possunt,
non dico pueris, sed his pilosis
qui duros nequeunt movere lumbos.
vos, quod milia multa basiorum
legistis, male me marem putatis?
pedicabo ego vos et irrumabo.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XVII

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Che voglia hai, Verona, di far festa

sul ponte lungo, di ballarci sopra

a più non posso! Ma ti rendi conto

che ha, quel ponticello, gambe fragili,

fatte di tavolette riciclate.

Hai paura che tutto vada in vacca

e il ponte sbatta il culo nella melma.

Ti auguro di cuore che tu abbia

un bel pontaccio solido: che i Salii

lo possano pestare santamente.

Ma voglio da te in cambio un regaluccio,

che mi faccia pisciare dalle risa:

buttami giù dal ponte, o mia Verona,

un mio concittadino gran coglione,

più tonto di un bambino di due anni

cullato tra le braccia di suo padre.

Voglio vedere spuntare dal fango

solo i suoi piedi! Fallo soffocare

nel punto più profondo, nel più lurido,

dove spurgano tutte le tue fogne.

La sua sposa è giovanissima, un fiore!

E’ delicata più di un agnellino,

da conservare come fosse l’uva

quando è più nera. E lui permette, il folle,

che vada a divertirsi dove vuole!

Non gliene importa un fico, resta moscio,

come un abete abbattuto in un fosso

dalla scure di un Ligure. Non vede,

non sente niente, il gran pezzo di fesso,

come se lei non esistesse. Vive,

indifferente a tutto, una vita da niente,

non sapendo nemmeno d’esser vivo.

Lo voglio a testa in giù dal ponte! Forse

il colpo lo risveglierà, l’idiota.

Chissà che il suo torpore non sprofondi

nella melma del pantano per sempre,

come la mula che affonda il suo zoccolo
nel fango della strada.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XVII

 

O Colonia, quae cupis ponte ludere longo,
et salire paratum habes, sed vereris inepta
crura ponticuli axulis stantis in redivivis,
ne supinus eat cavaque in palude recumbat:
sic tibi bonus ex tua pons libidine fiat,
in quo vel Salisubsili sacra suscipiantur,
munus hoc mihi maximi da, Colonia, risus.
quendam municipem meum de tuo volo ponte
ire praecipitem in lutum per caputque pedesque,
verum totius ut lacus putidaeque paludis
lividissima maximeque est profunda vorago.
insulsissimus est homo, nec sapit pueri instar
bimuli tremula patris dormientis in ulna.
cui cum sit viridissimo nupta flore puella
et puella tenellulo delicatior haedo,
adservanda nigerrimis diligentius uvis,
ludere hanc sinit ut lubet, nec pili facit uni,

nec se sublevat ex sua parte, sed velut alnus
in fossa Liguri iacet suppernata securi,
tantundem omnia sentiens quam si nulla sit usquam;
talis iste meus stupor nil videt, nihil audit,
ipse qui sit, utrum sit an non sit, id quoque nescit.
nunc eum volo de tuo ponte mittere pronum,
si pote stolidum repente excitare veternum,
et supinum animum in gravi derelinquere caeno,
ferream ut soleam tenaci in voragine mula.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XXI

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Di tutti i morti di fame, Aurelio,

tu sei il padre, di quelli che sono,

di quelli che furono e di quelli

che stanno per nascere. Nel culo

del mio amore tu vorresti entrare!

E non ne fai mistero! Ti strusci,

gli stai sempre attorno per tentarlo.

Ma non ce la puoi fare, perché, mentre

tu tendi queste insidie, io ti fotto

per primo. E pazienza se tu fossi

con la pancia piena, ma non posso

pensare che patisca la fame

il mio ragazzo. Ti dico: piantala

o ti prendi questo cazzo in culo.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XXI

 

Aureli, pater esuritionum,
non harum modo, sed quot aut fuerunt
aut sunt aut aliis erunt in annis,
pedicare cupis meos amores.
nec clam: nam simul es, iocaris una,
haerens ad latus omnia experiris.
frustra: nam insidias mihi instruentem
tangam te prior irrumatione.
atque id si faceres satur, tacerem:
nunc ipsum id doleo, quod esurire
me me puer et sitire discet.
quare desine, dum licet pudico,
ne finem facias, sed irrumatus.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


 OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XXII

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Quello stesso Suffeno che tu conosci bene,

sì, proprio lui, mio Varo, quell’uomo spiritoso,

quell’uomo intelligente, sforna versi su versi!

Credo che n’abbia scritti già più di diecimila!

E non su palinsesti, come si fa di solito,

ma su carta di prima, libri nuovi di zecca,

con bei lacci di cuoio e le bacchette nuove,

e tutti ben squadrati e ben tirati a lucido.

Ma se li leggi, ahimè, l’elegante Suffeno

diventa un pecoraio, un cafone, un vastaso,

tanto si capovolge e mostra un’altra faccia.

Davvero, è strabiliante: il mondano Suffeno,

affascinante e acuto, appena tocca un verso

dimostra l’eleganza di chi dà giù di zappa.

Eppure è strafelice quando scrive poemi,

gode del proprio genio e s’ammira. Del resto

chi di noi non si inganna Non c’è, Varo, un Suffeno

in ognuno di noi? Tutti abbiamo difetti,

ma nessun gobbo mai ha visto la sua schiena.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XXII

 

Suffenus iste, Vare, quem probe nosti,
homo est venustus et dicax et urbanus,
idemque longe plurimos facit versus.
puto esse ego illi milia aut decem aut plura
perscripta, nec sic ut fit in palimpsesto
relata: cartae regiae, novi libri,
novi umbilici, lora rubra membranae,
derecta plumbo et pumice omnia aequata.
haec cum legas tu, bellus ille et urbanus
Suffenus unus caprimulgus aut fossor
rursus videtur: tantum abhorret ac mutat.
hoc quid putemus esse? qui modo scurra
aut si quid hac re scitius videbatur,
idem infaceto est infacetior rure,
simul poemata attigit, neque idem umquam
aeque est beatus ac poema cum scribit:
tam gaudet in se tamque se ipse miratur.
nimirum idem omnes fallimur, neque est quisquam
quem non in aliqua re videre Suffenum
possis. suus cuique attributus est error;
sed non videmus manticae quod in tergo est.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XXVII

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Versami vino puro,

ragazzo, del più forte.

Così vuole Postumia,

la maestra ubriaca

più di un acino gonfio.

E tu, acqua, va via,

stai lontana da me,

tu che rovini il vino,

vattene ad abitare

dai tetri moralisti.

Il figlio di Semele

qui lo vogliamo nudo.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XXVII

 

Minister vetuli puer Falerni
inger mi calices amariores,
ut lex Postumiae iubet magistrae
ebriosa acina ebriosioris.
at vos quo lubet hinc abite, lymphae
vini pernicies, et ad severos
migrate. hic merus est Thyonianus.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XXX

 

Alfeno, così freddo con i tuoi vecchi amici?

Tratti senza pietà anche quello più caro?

A tradirmi, crudele, non hai esitato un attimo.

Non sai dunque che il Cielo punisce il tradimento?

Son solo coi miei mali e non ti fai vedere!

A che serve la vita se non si ha qualcuno?

Sei stato tu a spingermi a donarti il mio cuore,

ad affidarmi a te senza temere nulla.

Adesso ti ritrai, quello che hai detto e fatto

se ne va via col vento, scompare nella nebbia.

Tu dimentichi presto, ma gli dei si ricordano

e la Fede violata ti punirà un giorno.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XXX

 

Alphene immemor atque unanimis false sodalibus,
iam te nil miseret, dure, tui dulcis amiculi?
iam me prodere, iam non dubitas fallere, perfide?
nec facta impia fallacum hominum caelicolis placent.
quae tu neglegis ac me miserum deseris in malis.
eheu quid faciant, dic, homines cuive habeant fidem?
certe tute iubebas animam tradere, inique, me
inducens in amorem, quasi tuta omnia mi forent.
idem nunc retrahis te ac tua dicta omnia factaque
ventos irrita ferre ac nebulas aereas sinis.
si tu oblitus es, at di meminerunt, meminit Fides,
quae te ut paeniteat postmodo facti faciet tui.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XXXI

 

Ah, che gioia rivederti, Sirmione,

la terra più preziosa tra le tante

isole e penisole che Nettuno

ha sollevato dai laghi trasparenti

e dall’immenso mare. Io quasi

non credo ancora d’essere tornato

dalle terre di Bitinia e d’esser qui

a guardarti, sereno. Ritornare,

liberare da ogni peso la mente,

stremata dai viaggi in terra straniera,

e finalmente posarsi sul letto

a lungo sospirato! E’ questo il premio

di ogni mia fatica. Ciao, Sirmione,

rallegrati con me, o mia bellissima,

e rallegratevi anche voi, acque

del lago lidio, e rida anche la casa

che risuoni d’alte grida di gioia.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XXXI

 

Paene insularum, Sirmio, insularumque
ocelle, quascumque in liquentibus stagnis 
marique vasto fert uterque Neptunus,
quam te libenter quamque laetus inviso,
vix mi ipse credens Thuniam atque Bithunos
liquisse campos et videre te in tuto.
o quid solutis est beatius curis,
cum mens onus reponit, ac peregrino
labore fessi venimus larem ad nostrum,
desideratoque acquiescimus lecto?
hoc est quod unum est pro laboribus tantis.
salve, o venusta Sirmio, atque ero gaude
gaudente, vosque, o Lydiae lacus undae, 
ridete quidquid est domi cachinnorum.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XXXII

 

Amore mio, Ipsitilla, io ti prego,

fichetta mia, delizia, di aspettarmi:

oggi vengo da te, nel pomeriggio.

Dimmi di sì, tesoro, non sprangare

la porta e non uscire, resta in casa

e tienti pronta. Almeno nove volte

ho voglia di scoparti. Anzi, se vuoi,

dimmi “vieni” soltanto e arrivo subito.

Son qui, sdraiato dopo pranzo, e supino

alzo col cazzo tunica e mantello.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XXXII

 

Amabo, mea dulcis Ipsitilla,
meae deliciae, mei lepores,
iube ad te veniam meridiatum.
et si iusseris, illud adiuvato,
ne quis liminis obseret tabellam,
neu tibi lubeat foras abire,
sed domi maneas paresque nobis
novem continuas fututiones.
verum si quid ages, statim iubeto:
nam pransus iaceo et satur supinus
pertundo tunicamque palliumque.

 

 

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XXXIII

 

Vibennio è il re dei ladri,

suo figlio delle checche.

Più le mani del padre

son sozze e più è famelico

il gran culo del figlio.

Fuori di qui, in esilio,

in terre maledette,

ora che tutti sanno

che sei un ladro fottuto!

E tu da un’altra parte

porta il culo peloso.

Qui nessuno lo vuole.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XXXIII

 

O furum optime balneariorum
Vibenni pater et cinaede fili
(nam dextra pater inquinatiore,
culo filius est voraciore),
cur non exilium malasque in oras
itis? quandoquidem patris rapinae
notae sunt populo, et natis pilosas,
fili, non potes asse venditare.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XXXIV

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Fidenti in Diana,

fanciulle e giovani,

cantiamo il nome

di Diana vergine,

fanciulle e giovani.

 

O grande figlia

del grande Giove,

te sotto un albero

d’ulivo fece

Latona a Delo,

 

perché tu fossi

sola signora

dei luoghi taciti,

delle montagne,

dei verdi boschi,

 

là dove cantano

limpidi rivi.

A te si voltano

le partorienti,

a te, chiamandoti

Giuno Lucina.

 

Sei detta Trivia,

l’onnipotente,

Luna di luce

che tutto sai.

 

Tu, dea, dividi

in mesi il corso

dell’anno e fai

di buon raccolto

piene le case

dei contadini.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Tutti i tuoi nomi

noi qui invochiamo

e tu proteggici:

dona il tuo aiuto

di sempre a Roma.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XXXIV

 

Dianae sumus in fide
puellae et pueri integri:
Dianam pueri integri
puellaeque canamus.
o Latonia, maximi
magna progenies Iovis,
quam mater prope Deliam
deposivit olivam, 
montium domina ut fores
silvarumque virentium
saltuumque reconditorum
amniumque sonantum:
tu Lucina dolentibus
Iuno dicta puerperis,

tu potens Trivia et notho es
dicta lumine Luna.
tu cursu, dea, menstruo
metiens iter annuum,
rustica agricolae bonis
tecta frugibus exples.
sis quocumque tibi placet
sancta nomine, Romulique,

antique ut solita es, bona
sospites ope gentem.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XXXVIII

 

Il tuo Catullo, Cornìficio, sta male,

male, per dio, sempre più male, e soffre

di più ogni giorno che passa, ogni ora.

E tu nemmeno una parola, tu

mi neghi questo piccolo sollievo!

Così dunque mi ami? Ti detesto!

Ti prego, una parola, un verso solo,

un niente che mi scaldi e mi consoli,

più triste anche del pianto di Simonide.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XXXVIII

 

Male est, Cornifici, tuo Catullo anafora
malest, me hercule, et laboriose,
et magis magis in dies et horas.
quem tu, quod minimum facillimumque est,
qua solatus es allocutione?
irascor tibi. sic meos amores?
paulum quid lubet allocutionis,
maestius lacrimis Simonideis.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XLI

 

Quella puttana strafottuta ha chiesto

diecimila sesterzi tondi tondi,

quella bagascia dal gran naso storto,

che il Gran Fallito di Formia si scopa.

Ehi, parenti che l’avete in tutela,

perché non la portate da un dottore,

è tutta matta, quella, non si guarda

la sua faccia di schifo in uno specchio?

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XLV

 

Ameana puella defututa
tota milia me decem poposcit,
ista turpiculo puella naso,
decoctoris amica Formiani.
propinqui, quibus est puella curae,
amicos medicosque convocate:
non est sana puella, nec rogare
qualis sit solet aes imaginosum
.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XLIII

 

Oh, ciao ragazza

dal grosso naso

dal piede rozzo

dagli occhi sciapi,

che il Gran Fallito

di Formia scopa.

Le dita hai tozze

la bocca a cassa,

parli da schifo,

da voltastomaco.

Sei tu la bella

della provincia?

E alla mia Lesbia

ti han comparata?

O mondo ottuso,

privo di spirito!

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XLIII

 

Salve, nec minimo puella naso
nec bello pede nec nigris ocellis
nec longis digitis nec ore sicco
nec sane nimis elegante lingua,
decoctoris amica Formiani.
ten provincia narrat esse bellam?
tecum Lesbia nostra comparatur?
o saeclum insapiens et infacetum!

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XLVI

 

I giorni son più tiepidi, si scioglie

il furibondo cielo equinoziale

nei miti venti della primavera.

E’ il momento, Catullo, via, lasciamo

le campagne di Frigia e le pianure

della fertile e torrida Nicea.

Presto, partiamo per le luminose

città dell’Asia, col cuore che trepida

e i piedi come ali. In queste terre

siamo arrivati insieme, dolci amici,

ma ora addio, ritorneremo a casa

facendo ognuno vie diverse e strane.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XLVI

 

Iam ver egelidos refert tepores,
iam caeli furor aequinoctialis
iucundis Zephyri silescit aureis.
linquantur Phrygii, Catulle, campi
Nicaeaeque ager uber aestuosae:
ad claras Asiae volemus urbes.
iam mens praetrepidans avet vagari,
iam laeti studio pedes vigescunt.
o dulces comitum valete coetus,
longe quos simul a domo profectos
diversae variae viae reportant
.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XLVIII

 

Se potessi baciare

i tuoi occhi di miele,

Giovenzio, infinite

volte li bacerei.

No, non sarei mai sazio,

fosse anche la messe

dei miei baci più fitta

della messe fittissima

delle spighe mature.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XLVIII

 

Mellitos oculos oculos tuos, Iuventi,
si quis me sinat usque basiare,
usque ad milia basiem trecenta
nec numquam videar satur futurus,
non si densior aridis aristis
sit nostrae seges osculationis
.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LI

 

Quello è simile a un dio, se sa ascoltarti,

sedendoti vicino, mentre parli.

Anzi di più di un dio, se sa guardarti,

con gli occhi fissi in te, mentre tu ridi

tutta dolcezze.

 

Perché se io ti guardo, Lesbia mia,

mi sento venir meno, nelle orecchie

un rombo, un fuoco dentro, nella bocca

la lingua mi si secca, sui miei occhi

la notte scende.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LI

 

Ille mi par esse deo videtur,
ille, si fas est, superare divos,
qui sedens adversus identidem te
spectat et audit
dulce ridentem, misero quod omnis
eripit sensus mihi: nam simul te,
Lesbia, aspexi, nihil est super mi 
lingua sed torpet, tenuis sub artus
flamma demanat, sonitu suopte
tintinant aures, gemina et teguntur
lumina nocte.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LIb

 

E’ l’ozio il tuo male, Catullo: il vuoto

dei tuoi giorni di ozio ti consuma,

estenuando i tuoi nervi.

Già signori felici e regni antichi

perirono così.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LIb

 

Otium, Catulle, tibi molestum est:
otio exsultas nimiumque gestis:
otium et reges prius et beatas
perdidit urbes.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LVIII

 

Ah, Celio, la mia Lesbia, la mia Lesbia

quella Lesbia che ho amato

più di ogni cosa e di me stesso, quella,

agli angoli di strada e nei vicoli

ora lo succhia a tutti quanti i figli

del grande padre Remo.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LVIII

 

Caeli, Lesbia nostra, Lesbia illa.
illa Lesbia, quam Catullus unam
plus quam se atque suos amavit omnes,
nunc in quadriviis et angiportis
glubit magnanimi Remi nepotes
.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITOR

LX

 

Una leonessa libica

ti ha generato, o Scilla

dall’utero ruggente,

col cuore così duro

e nero che disprezza

la voce che l’implora

dalla miseria estrema.

Il tuo cuore è di belva.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LX

 

Num te te leaena montibus Libystinis
aut Scylla latrans infima inguinum parte
tam mente dura procreavit ac taetra,
ut supplicis vocem in novissimo casu
contemptam haberes, a nimis fero corde?
 

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXX

 

Con te o con nessuno,

dice la donna mia.

“Giuro, neanche a Giove”,

mi dice, “la darei”.

Ma quel che donna dice

a uomo innamorato

è scritto sopra il vento

è scritto sopra l’acqua.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXX

 

Nulli se dicit mulier mea nubere malle
quam mihi, non si se Iuppiter ipse petat.
dicit: sed mulier cupido quod dicit amanti,
in vento et rapida scribere oportet aqua.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXXII

 

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Giuravi, Lesbia, un tempo

di volere me solo. “Anche se Giove,

mi volesse, dicevi,

direi di no”. E io ti ho amata come

un padre premuroso ama i suoi figli.

Ma ora ti conosco.

Mi brucia il desiderio ma ormai

per me sei una cosa dozzinale.

Tu mi chiedi “Perché?”. Il cuore offeso

ama ancora di più, ma non vuol bene.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXXII

 

Dicebas quondam solum te nosse Catullum,
Lesbia, nec prae me velle tenere Iovem.
dilexi tum te non tantum ut vulgus amicam,
sed pater ut gnatos diligit et generos.
nunc te cognovi: quare etsi impensius uror,
multo mi tamen es vilior et levior. omoteleuto
qui potis est, inquis? quod amantem iniuria talis
cogit amare magis, sed bene velle minus.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITOR

LXXV

 

 

Ah, il cuore, Lesbia mia, il mio cuore,

troppo pazzo di te, ha consumato

ogni sua forza ad esserti fedele.

Anche se cambierai,

non potrà più teneramente amarti

né, per quanto tu faccia,

potrà cessare di desiderarti.

 

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXXV

 

Huc est mens deducta tua mea, Lesbia, culpa
atque ita se officio perdidit ipsa suo,
ut iam nec bene velle queat tibi, si optima fias,
nec desistere amare, omnia si facias.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXXXI

 

Tra tanti uomini, Giovenzio, possibile

che non ti sai trovare un uomo degno

d’essere amato?

 

No, te ne pigli uno sepolcrale,

Faccia Gialla da Pesaro, città

di quasi morti.

 

Hai lui nel cuore ora, e osi amarlo

più di me, quello zombi imbalsamato!

Sei un senza testa!

 

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXXXI

 

Nemone in tanto potuit populo esse, Iuventi,
bellus homo, quem tu diligere inciperes.
praeterquam iste tuus moribunda ab sede Pisauri
hospes inaurata palladior statua,
qui tibi nunc cordi est, quem tu praeponere nobis
audes, et nescis quod facinus facias?

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXXXII

 

Se vuoi, mio Quinzio, che Catullo tuo

ti debba gli occhi, o anche qualche cosa

più preziosa degli occhi, non privarlo

di ciò che degli occhi gli è più caro.

 

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXXXII

 

Quinti, si tibi vis oculos debere Catullum
aut aliud si quid carius est oculis,
eripere ei noli, multo quod carius illi
est oculis seu quid carius est oculis.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXXXIII

 

Presente suo marito, mi ricopre

di ingiurie, la mia Lesbia. Lui è contento,

gongola di felicità, il cazzone.

Ehi, cervello di mulo, stesse zitta,

sarebbe chiaro segno ch’è finita.

Se grida e se straparla,

vuol dire che ricorda. Se è rabbiosa,

è l’amore che rugge.

 

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXXXIII

 

Lesbia mi praesente viro mala plurima dicit:
haec illi fatuo maxima laetitia est.
mule, nihil sentis? si nostri oblita taceret,
sana esset: nunc quod gannit et obloquitur,
non solum meminit, sed, quae multo acrior est res,
irata est. hoc est, uritur et loquitur.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXXXV

 

Odio e amo.

Come può essere? mi chiedi.

Io non lo so,

ma sento che è così

e dentro mi consumo.

 

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXXXV

 

Odi et amo. quare id faciam, fortasse requiris.
nescio, sed fieri sentio et excrucior.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXXXVI

 

Quinzia per molti è bella.

Anch’io non nego

che abbia pelle bianca e sia slanciata,

nego però che sia del tutto bella.

Per esserlo le manca quello spirito

che può dare splendore ad un bel corpo.

Bellissima tra tutte è invece Lesbia,

che di tutte ha rubato ogni bellezza.

 

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXXXVI

 

Quintia formosa est multis. mihi candida, longa,
recta est: haec ego sic singula confiteor.
totum illud formosa nego: nam nulla venustas,
nulla in tam magno est corpore mica salis.
Lesbia formosa est, quae cum pulcerrima tota est,
tum omnibus una omnis surripuit Veneres.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXXXVII

 

Quale donna può dire “mi hanno amata”

come puoi dirlo tu, che io ho amata?

E quale uomo, mia Lesbia, può dire

d’essere stato come me fedele?

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXXXVII

 

Nulla potest mulier tantum se dicere amatam
vere, quantum a me Lesbia amata mea est.
nulla fides ullo fuit umquam foedere tanta,
quanta in amore tuo ex parte reperta mea est.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXXXVIII

 

E tu come lo chiami, Gellio, un tale

che passa le sue notti nudo a fottere

sorella e madre? Di’, come lo chiami

chi si scopa la moglie dello zio?

La senti la grandezza del suo crimine?

E’ una tale lordura, caro Gellio,

che non l’acqua con cui Teti racchiude

il mondo tondo, né l’onda d’Oceano,

procreatore di ninfe, può lavare.

Qui, caro Gellio, superi ogni limite,

peggio di quando te ne stai, incestuoso,

con la testa tra le cosce, a succhiartelo.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXXVIII

 

Quid facit is, Gelli, qui cum matre atque sorore
prurit, et abiectis pervigilat tunicis?
quid facit is, patruum qui non sinit esse maritum?
ecquid scis quantum suscipiat sceleris?
suscipit, o Gelli, quantum non ultima Tethys
nec genitor Nympharum abluit Oceanus:
nam nihil est quicquam sceleris, quo prodeat ultra,
non si demisso se ipse voret capite.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXXXIX

 

E’ uno scheletro, Gellio! Ma per forza!

Con una madre grande scopatrice

e una sorella fica come poche!

Con uno zio cornuto e stracontento

e tutta quella schiera di cugine,

e procugine, e parentelle varie,

come fa a non essere uno scheletro?

Anche se scopa soltanto in famiglia,

gli basta, eccome, a finire spolpato.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

LXXXIX

 

Gellius est tenuis: quid ni? cui tam bona mater

tamque valens vivat tamque venusta soror,

tamque bonus patruus, tamque omnia plena puellis

cognatis, quare is desinat esse macer?

Qui ut nihil attingat, nisi quod fas tangere non est,

quantumvis quare sit macer invenies.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XC

 

Gellio scopa sua madre. Da quel coito

nasca, speriamo, un mago e sia dottore

d’arte aruspicina. Se le nefande

credenze dei Persiani sono vere,

così soltanto può nascere un mago

che sia capace di farsi ascoltare

quando biascica scongiuri agli dei,

mentre brucia budella sull’altare.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XC

 

Nascatur magus ex Gelli matrisque nefando
coniugio et discat Persicum aruspicium:
nam magus ex matre et gnato gignatur oportet,
si vera est Persarum impia religio,
gnatus ut accepto veneretur carmine divos
omentum in flamma pingue liquefaciens.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XCI

 

Nel mio infelice e disperato amore,

ti fui amico e mi fidai di te.

Non certo perché, leggendoti in cuore,

trovavo fedeltà, o repulsione

al crimine più immondo. Ero tranquillo

solamente perché quella che amo

non è tua madre e non è tua sorella.

Né la nostra conoscenza, pensavo,

è tanto stretta da sembrar parenti.

E invece sì, ti è bastato lo stesso!

Non vai per il sottile se intravedi

un buco in cui godere profanando.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XCI

 

Non ideo, Gelli, sperabam te mihi fidum
in misero hoc nostro, hoc perdito amore fore,
quod te cognossem bene constantemve putarem
aut posse a turpi mentem inhibere probro;
sed neque quod matrem nec germanam esse videbam
hanc tibi, cuius me magnus edebat amor.
et quamvis tecum multo coniungerer usu,
non satis id causae credideram esse tibi.
tu satis id duxti: tantum tibi gaudium in omni
culpa est, in quacumque est aliquid sceleris.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XCII

 

Mi copre d’insulti la mia Lesbia

e non tace un secondo: mi ama!

Io copro lei d’insulti: che muoia

se non l’amo di più di quanto m’ama.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XCII

 

Lesbia mi dicit semper male nec tacet umquam
de me: Lesbia me dispeream nisi amat.
quo signo? quia sunt totidem mea: deprecor illam
assidue, verum dispeream nisi amo.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XCVI

 

Se qualcosa di noi, Calvo, può giungere

fino al silenzio delle tombe, se

il tenero pianto di nostalgia

può lambirle con dolcezza, Quintilia,

vedendo le tue lacrime, si placa

nel ricordo dell’amore e dimentica

che la sua vita è stata troppo breve.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XCVI

 

Si quicquam mutis gratum acceptumque sepulcris
accidere a nostro, Calve, dolore potest,
quo desiderio veteres renovamus amores
atque olim missas flemus amicitias,
certe non tanto mors immatura dolori est
Quintiliae, quantum gaudet amore tuo.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XCVII

 

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Puzza la bocca e puzza il culo a Emilio,

come un cosa sola. Stesso schifo:

lercia la bocca come lercio il culo.

Anzi il suo culo, forse, ha più decoro,

almeno è senza denti. Ma la bocca,

con quelle zanne, e con quelle gengive

come carri sgangherati! Se l’apre

è la fregna slabbrata di una mula

quando piscia in calore in piena estate.

Eppure scopa e pensa d’esser bello!

Lo manderei alla macina, coi muli.

E le donne che scopano con lui?

Tutte a leccare emorroidi ai carnefici.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XCVII

 

Non (ita me di ament) quicquam referre putavi,
utrumne os an culum olfacerem Aemilio.
nilo mundius hoc, nihiloque immundius illud,
verum etiam culus mundior et melior:
nam sine dentibus est. hic dentis sesquipedalis,
gingivas vero ploxeni habet veteris,
praeterea rictum qualem diffissus in aestu
meientis mulae cunnus habere solet.
hic futuit multas et se facit esse venustum,
et non pistrino traditur atque asino?
quem siqua attingit, non illam posse putemus
aegroti culum lingere carnificis?

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XCIX

 

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Mentre giocavi, Giovenzio, ho rubato

un bacio tuo di miele. Per un’ora,

in croce al tuo cospetto, ho scusato

il mio gesto, cercando con le lacrime

d’intenerirti il cuore. Tu asciugavi,

schifato, le tue labbra inumidite,

per levar via ogni traccia del mio bacio,

come fosse la lurida saliva

di una bocca sborrata di puttana.

Poi mi hai fatto subire ogni tortura

d’amore, ogni dispetto. Così il bacio

dolcissimo di miele è diventato

elleboro amaro. Se è questa la pena

che tu infliggi al mio amore, infelice

me ne starò senza rubarti baci.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

XCIX

 

Surripui tibi, dum ludis, mellite Iuventi,
suaviolum dulci dulcius ambrosia.
verum id non impune tuli: namque amplius horam
suffixum in summa me memini esse cruce,
dum tibi me purgo nec possum fletibus ullis
tantillum vestrae demere saevitiae.
nam simul id factum est, multis diluta labella
guttis abstersisti omnibus articulis,
ne quicquam nostro contractum ex ore maneret,
tamquam commictae spurca saliva lupae.
praeterea infesto miserum me tradere amori
non cessasti omnique excruciare modo,
ut mi ex ambrosia mutatum iam foret illud
suaviolum tristi tristius elleboro.
quam quoniam poenam misero proponis amori,
numquam iam posthac basia surripiam.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

CI

 

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Ah fratello, fratello! Trascinato

per molte genti

                                e per molti mari,

sono arrivato qui. Ecco le offerte

che si devono ai morti, nudi riti

d’addio, parole vane per le ceneri

silenziose.

                        Brutalmente il destino

ti ha rapito a me, povero fratello.

Ora non restano che gli antichi onori

dei padri che tristemente ti rendo

e le parole d’addio:

                                    per sempre,

fratello, addio, fratello mio, per sempre.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

CI

 

Multas per gentes et multa per aequora vectus
advenio has miseras, frater, ad inferias,
ut te postremo donarem munere mortis
et mutam nequiquam alloquerer cinerem.
quandoquidem fortuna mihi tete abstulit ipsum.
heu miser indigne frater adempte mihi,
nunc tamen interea haec, prisco quae more parentum
tradita sunt tristi munere ad inferias,
accipe fraterno multum manantia fletu,
atque in perpetuum, frater, ave atque vale.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

CII

 

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Lo sai, ti sono amico,

e sai che son discreto.

Nessuno mai, puoi credermi,

s’affidò ad un amico

più discreto di me.

Per me un segreto è sacro,

come è sacro il silenzio.

Se saprò il tuo segreto

starò in sacro silenzio,

come fossi una statua.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

CII

 

Si quicquam tacito commissum est fido ab amico,
cuius sit penitus nota fides animi,
meque esse invenies illorum iure sacratum,
Corneli, et factum me esse puta Arpocratem.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

CIV

 

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Posso mai maledire la mia vita?

Maledire chi amo più degli occhi?

Come posso se l’amo come un pazzo?

Ma lei perché con tutto mi tormenta?

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

CIV

 

Credis me potuisse meae maledicere vitae,
ambobus mihi quae carior est oculis?
non potui, nec, si possem, tam perdite amarem:
sed tu cum Tappone omnia monstra facis.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

CVII

 

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Ottenere

quello che si desidera da tanto

e non si spera più, questa è una gioia

che non si può descrivere. Mia Lesbia,

torni al mio desiderio ormai inattesa

e ti ridai a me! Ah, come l’oro

la mia gioia sarà senza confini,

luminosa. Ah che giorno, segnerò

la data con la pietra che è più bianca.

Quale vivente vive più felice?

C‘è forse vita più desiderabile?

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

CVII

 

Si quicquam cupido optantique optigit umquam
insperanti, hoc est gratum animo proprie.
quare hoc est gratum nobis quoque carius auro
quod te restituis, Lesbia, mi cupido.
restituis cupido atque insperanti, ipsa refers te
nobis. o lucem candidiore nota!
quis me uno vivit felicior aut magis hac est
optandus vita dicere quis poterit?

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

CIX

 

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

A me prometti tu, anima mia,

un amore senz’ombre e senza fine.

Che tu parli col cuore e che mantenga

la tua promessa, questo chiedo al Cielo.

Che duri sempre e che sia sempre sacro

questo patto reciproco d’amore.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

CIX

 

Iucundum, mea vita, mihi proponis amorem
hunc nostrum inter nos perpetuumque fore.
di magni, facite ut vere promittere possit,
atque id sincere dicat et ex animo,
ut liceat nobis tota perducere vita
aeternum hoc sanctae foedus amicitiae.

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 

TOP

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

Voce Nazzareno Luigi Todarello

 


OPERAMONDOlibri LATORRE-EDITORE

 



 

Copyright 2022
LATORRE EDITORE
VIALE DELLA RIMEMBRANZA 23
15067 NOVI LIGURE AL ITALY

redazione @latorre-editore.it

+39 339 22 50 407