OPERAMONDO

Dans vos viviers, dans vos tangs,
Carpes,
que vous vivez longtemps!
Est-ce que la mort vous oublie,
Poissons de la mlancolie.

 

UN MONDO DI LIBRI

UN LIBRO DEL MONDO

 

LATORRE EDITORE


DIZIONE





 

FONETICA

 

2.4. Esercizi sulle vocali

 

Abbiamo detto che per generare le vocali noi non impediamo all’aria di uscire fluidamente verso l’esterno. Per interveniamo per modificare la composizione del suono. Il primo modo in cui interveniamo regolando la capacit complessiva di risonanza della bocca, cio allargando pi o meno le mascelle. Il secondo modo dato dalla posizione della lingua, che si pu incurvare verso il velo palatino, la parte pi interna del palato o verso la parte dura, centrale, del palato. Il terzo modo la posizione delle labbra che possono essere sporte in avanti, protruse, o tirate come in un sorriso, tese. Tutti questi accorgimenti amplificano o riducono alcune parti del suono base, modificandone il timbro e dando origine alle sette vocali.

 

Primo esercizio

Per pronunciare la i e la u teniamo la stessa dilatazione mascellare, coi denti appena discostati. Cambia per la posizione della lingua: palatale per la i e velare per la u. Cambia anche la posizione delle labbra: tese per la i, protruse per la u.

 

Provare le posizioni: entrare mentalmente in bocca e vedere le posizioni di denti, lingua e labbra nel pronunciare i e u.

 

Palatale con labbra tese

i i i …  Cina

i i i …  iṣ̣ola

i i i …  Piṣ̣a

i i i …  inni

i i i …  pini

Velare con labbra protruse

u u u …  lupo

u u u …  uṣ̣o

u u u …  gufo

u u u …  urto

u u u …  Luca

Alternate

i u i u i u …  Cina urto

i u i u i u …  iṣ̣ola uṣ̣o

i u i u i u …   Piṣ̣a gufo

i u i u i u …  inni lupo

i u i u i u …  pini Luca

 

Ripetere finch non si avverte un alternarsi preciso dei suoni. Ci si deve liberare dalla abitudine di considerare i suoni della lingua come semplici fantasmi dei corrispettivi segni grafici. Quando noi pensiamo alla i o alla u o a qualunque altro suono dell’alfabeto, ci immaginiamo il segno grafico relativo. Bisogna ora invece far emergere l’immagine sonora. E’il segno grafico a essere il fantasma del suono, venuto parecchio tempo dopo, un segno grafico appunto, una nota. Il fenomeno fisico originario ed essenziale il suono.

Secondo esercizio

Nella stessa posizione della i, ma con la bocca un po’ pi aperta si ottiene , cio la e dal suono chiuso.

 

Provare:

i i i i i i i i i

 

Nella stessa posizione della u, ma con la bocca un po’ pi aperta si ottiene , cio la o dal suono chiuso.

 

u u u u u u

 

Palatale con labbra tese

i …  pṣ̣o

i …  cna

i …  lmo

i …  lsa

Velare con labbra protruse

u …  rso

u …  ra

u …  crsa

u …  crna

Alternate

  pṣ̣o rso

  cna ra

  lmo crsa

  lsa crna

 

Esercitarsi sul singolo suono anche aumentando e diminuendo la sonorit e creando cos una parabola regolare come gi spiegato per gli esercizi sulla portata sonora.

Terzo esercizio

Nella stessa posizione delle labbra e della lingua tenuta per la i e per la , ma aprendo ancora un po’ la bocca, si pronuncia la , cio la e dal suono aperto.

 

Provare:

 

i i i i i

 

Nella stessa posizione delle labbra e della lingua tenuta per la u e per la , ma aprendo ancora un po’ la bocca, si pronuncia la , cio la o dal suono aperto.

 

Provare:

 

u u u u

 

Quindi:

 

Palatale con labbra tese

i …  ra

i …  cco

i …  scna

i …  pnso

Velare con labbra protruse

u …  ro

u …  cchio

u …  Cmo

u …  spoṣ̣a

Alternate

  ra ro

  cco Cmo

  scna spoṣ̣a

…  pnso cchio

Quarto esercizio

 

Per realizzare la a, che la pi chiara e aperta delle vocali, dobbiamo permettere all’aria vibrante di uscire in tutta libert. Mascelle aperte, lingua rilasciata, piena sonorit.

 

 

Mediana aperta

a a a …  aria

a a a …  ansia

a a a …  aragosta

a a a …  anima

Quinto esercizio

 

i a u i a u i a u

i a i a i a i a i a i a i a i a i a i a i a

a a a a a a a a a

a a a a a a a a a

a a a a a a a a a

a a a a a a a a a

u a u a u a u a u a u a u a u a

Sesto esercizio

 

u a i u a i u a i

a u a u a u a u a u a u a u a u a u

i u i u i u i u i u i u i u i u i u i u i u

u u u u u u u u u

u u u u u u u u u

u u u u u u u u u

u u u u u u u u u

 

Settimo esercizio

 

a i a i a i a i a i a i a i a i a i a i a i

i i i i i i i i i i i

i i i i i i i i i i i

i i i i i i i i i i i

i i i i i i i i i i i i

u i u i u i u i u i u i u i u i u i u i u i

Cina Piṣ̣a inni iṣ̣ola cani lupo uṣ̣o gufo urto Luca pṣ̣o rso cna ra lmo crsa lsa corna ra ro cco Cmo scna spṣ̣a pnso cchio aria ansia aragsta anima

 

Questi esercizi non sono certo divertenti. Occorre, per vincere la noia, tenere sempre attiva la mente. Non serve a niente farli in modo meccanico e il tutto diventerebbe insopportabile.

Pensare allo scopo finale del lavoro.

Dopo qualche settimana di esercizio assiduo si avr un chiarissimo salto di consapevolezza, si avvertir una maggiore precisione nell’emissione e una forte soddisfazione ci ripagher degli sforzi.

 

 


 






 

Copyright 2022
LATORRE EDITORE
VIALE DELLA RIMEMBRANZA 23
15067 NOVI LIGURE AL ITALY
+39 339 225 0407

 

redazione @latorre-editore.it

+39 339 22 50 407