GIOSUE' CARDUCCI

 

PRESSO UNA CERTOSA          

             


Da quel verde, mestamente pertinace tra le foglie
Gialle e rosse de l'acacia, senza vento una si toglie:
E con fremito leggero
Par che passi un'anima.

Velo argenteo par la nebbia su 'l ruscello che gorgoglia,
Tra la nebbia nel ruscello cade a perdersi la foglia.
Che sospira il cimitero,
Da' cipressi, fievole?

Improvviso rompe il sole sopra l'umido mattino,
Navigando tra le bianche nubi l'aere azzurrino:
Si rallegra il bosco austero
Gią nel verno prčsago.

A me, prima che l'inverno stringa pur l'anima mia
Il tuo riso, o sacra luce, o divina poesia!
Il tuo canto, o padre Omero,
Pria che l'ombra avvolgami!

 

Giosuč Carducci

(Valdicastello, Lucca 1835 - Bologna 1907)

RIME E RITMI

1899

 

scarica mp3

 

Voce Nazzareno Luigi Todarello


 

leggi e ascolta 

 

 


catalogo LATORRE 

Torna a OPERAMONDO

Torna a VAGHE STELLE

 

redazione@latorre-editore.it