CATULLO

55 poesie d'amore e d'odio

trad. Nazzareno Luigi Todarello

(cartaceo)

 


libro cartaceo latino/italiano

con cd audio

 


CATULLO

55 poesie d'amore e d'odio

trad. Nazzareno Luigi Todarello

(ebook)

 


ebook latino/italiano

 



CATULLO

55 poesie d'amore e d'odio

leggi e ascolta

 

leggi e ascolta i versi di Catullo

 


CATULLO

55 poesie d'amore e d'odio

Indice

 

​​​​​​​A chi dedicherò questo libretto, 16
Cui dono lepidum novum libellum... 17
Ehi, passero, delizia della mia. 18
Passer, deliciae meae puellae, 19
Piangi, Venere, e piangi tu, Cupìdo, 20
Lugete, o Veneres Cupidinesque, 21
Lo vedete quel battello, amici?. 22
Phaselus ille, quem videtis, hospites, 23
Viviamo nell’amore, Lesbia mia! 24
Vivamus mea Lesbia, atque amemus, 25
Se il tuo amore non fosse privo, Flavio, 26
Flavi, delicias tuas Catullo, 27
Quando sarò sazio di baci? Questo. 28
Quaeris, quot mihi basiationes. 29
Ah, povero Catullo, cosa speri?. 30
Miser Catulle, desinas ineptire, 31
E’ dunque vero, Veranio dilettissimo, 32
Verani, omnibus e meis amicis. 33
Compagni di Catullo, Aurelio e Furio, 34
Mentre si beve e ride, tu, Asinio, 36
Marrucine Asini, manu sinistra. 37
Se sarai fortunato, mio Fabullo, 38
Cenabis bene, mi Fabulle, apud me. 39
Se non ti amassi più degli occhi miei, 40
Ni te plus oculis meis amarem, 41
Ti affido il mio ragazzo, la mia vita, 42
Commendo tibi me ac meos amores, 43
A te in bocca e a te dritto nel culo. 44
Pedicabo ego vos et irrumabo, 45
Che voglia hai, Verona, di far festa. 46
O Colonia, quae cupis ponte ludere longo, 47
Di tutti i morti di fame, Aurelio, 48
Aureli, pater esuritionum, 49
Quello stesso Suffeno che tu conosci bene, 50
Suffenus iste, Vare, quem probe nosti, 51
Versami vino puro, 52
Minister vetuli puer Falerni 53
Alfeno, così freddo con i tuoi vecchi amici?. 54
Alphene immemor atque unanimis false sodalibus, 55
Ah, che gioia rivederti, Sirmione, 56
Paene insularum, Sirmio, insularumque. 57
Amore mio, Ipsitilla, io ti prego, 58
Amabo, mea dulcis Ipsitilla, 59
Vibennio è il re dei ladri, 60
O furum optime balneariorum... 61
Fidenti in Diana, 62
Dianae sumus in fide. 63
Il tuo Catullo, Cornìficio, sta male, 64
Male est, Cornifici, tuo Catullo anafora. 65
Quella puttana strafottuta ha chiesto. 66
Ameana puella defututa. 67
Oh, ciao ragazza. 68
Salve, nec minimo puella naso. 69
I giorni son più tiepidi, si scioglie. 70
Iam ver egelidos refert tepores, 71
Se potessi baciare. 72
Mellitos oculos oculos tuos, Iuventi, 73
Quello è simile a un dio, se sa ascoltarti, 74
Ille mi par esse deo videtur, 75
E’ l’ozio il tuo male, Catullo: il vuoto. 76
Otium, Catulle, tibi molestum est: 77
Ah, Celio, la mia Lesbia, la mia Lesbia. 78
Caeli, Lesbia nostra, Lesbia illa. 79
Una leonessa libica. 80
Num te te leaena montibus Libystinis. 81
Con te o con nessuno, 82
Nulli se dicit mulier mea nubere malle. 83
Giuravi, Lesbia, un tempo. 84
Dicebas quondam solum te nosse Catullum, 85
Ah, il cuore, Lesbia mia, il mio cuore, 86
Huc est mens deducta tua mea, Lesbia, culpa. 87
Tra tanti uomini, Giovenzio, possibile. 88
Nemone in tanto potuit populo esse, Iuventi, 89
Se vuoi, mio Quinzio, che Catullo tuo. 90
Quinti, si tibi vis oculos debere Catullum... 91
Presente suo marito, mi ricopre. 92
Lesbia mi praesente viro mala plurima dicit: 93
Odio e amo. 94
Odi et amo. quare id faciam, fortasse requiris. 95
Quinzia per molti è bella. 96
Quintia formosa est multis. mihi candida, longa, 97
Quale donna può dire “mi hanno amata”. 98
Nulla potest mulier tantum se dicere amatam... 99
E tu come lo chiami, Gellio, un tale. 100
Quid facit is, Gelli, qui cum matre atque sorore. 101
E’ uno scheletro, Gellio! Ma per forza! 102
Gellio scopa sua madre. Da quel coito. 104
Nascatur magus ex Gelli matrisque nefando. 105
Nel mio infelice e disperato amore, 106
Non ideo, Gelli, sperabam te mihi fidum... 107
Mi copre d’insulti la mia Lesbia. 108
Lesbia mi dicit semper male nec tacet umquam... 109
Se qualcosa di noi, Calvo, può giungere. 110
Si quicquam mutis gratum acceptumque sepulcris. 111
Puzza la bocca e puzza il culo a Emilio, 112
Non (ita me di ament) quicquam referre putavi, 113
Mentre giocavi, Giovenzio, ho rubato. 114
Surripui tibi, dum ludis, mellite Iuventi, 115
Ah fratello, fratello! Trascinato. 116
Multas per gentes et multa per aequora vectus. 117
Lo sai, ti sono amico, 118
Si quicquam tacito commissum est fido ab amico, 119
Posso mai maledire la mia vita?. 120
Credis me potuisse meae maledicere vitae, 121
Ottenere. 122
Si quicquam cupido optantique optigit umquam... 123
A me prometti tu, anima mia, 124
Iucundum, mea vita, mihi proponis amorem... 125

 

italian ebook

testo latino a fronte

 

torna a catalogo 

torna a OPERAMONDO

 

copyright 2020 LATORRE EDITORE

 

Viale delle Rimembranza 23

15067 Novi Ligure AL Italy

+39 339 22 50 407

redazione@latorre-editore.it

 

p. IVA 01156240069