JOSIF BRODSKIJ

 

 

 

 

 

Chinati, ti devo sussurrare all'orecchio qualcosa:     


per tutto io sono grato, per un osso
di pollo come per lo stridio delle forbici che già un vuoto
ritagliano per me, perché quel vuoto è Tuo.
Non importa se è nero. E non importa
se in esso non c'è mano, e non c'è viso, né il suo ovale.
La cosa quanto più è invisibile, tanto più è certo
che sulla terra è esistita una volta,
e quindi tanto più essa è dovunque.

Sei stato il primo a cui è accaduto, vero?
E può tenersi a un chiodo solamente
ciò che in due parti uguali non si può dividere.
Io sono stato a Roma. Inondato di luce. Come
può soltanto sognare un frammento! Una dracma
d'oro è rimasta sopra la mia retina.
Basta per tutta la lunghezza della tenebra.

 

Iosif Brodskij

(San Pietroburgo 1940 - New York 1996)
POESIE ITALIANE/E
legie romane

trad. Giovanni Buttafava

Adelphi 1996

 

Voce Nazzareno Luigi Todarello

 


 

leggi e ascolta 


catalogo LATORRE 

Torna a OPERAMONDO

Torna a VAGHE STELLE

 

redazione@latorre-editore.it