OPERAMONDO

portale di cultura teatrale

Opera

TEATROMONDO

 NLOM

MODACOSTUME

vaghe.stelle

LTE

Home ] Storia dell'Opera ] Grandi Autori ] Grandi spettacoli ]


Su
Il pomo d'oro
Philippe Quinault
Carlo Cantù
Arianna
Il ballo delle ingrate
L'incoronazione di Poppea
Mercurio e Marte
Il ritorno di Ulisse in patria
Le nozze di Figaro
Così fan tutte
Don Giovanni
Giacomo Badoaro
Ludovico Zorzi
Virginia Ramponi Andreini
Il teatro mediceo
Il teatro Farnese
Solerti Angelo
Opere di Jacopo Peri
Gli intermezzi della Pellegrina
Ottavio Rinuccini
Nino Pirrotta
Musica teatro prima di Opera
Ludovico Burnacini
La favola pastorale in musica
Commedia dell'Arte e Opera
Jacopo Peri
Il rapimento di Cefalo
Euridice
Il nuovo stile monodico
Il gran teatro del principe
Giulio Strozzi
Giulio Caccini
Fortuna del melodramma
Dorsi Rausa
Dafne trama
Dafne
Caccini Le Nuove Musiche
Bernardo Buontalenti
Francesco Sbarra
San Cassian
Antonio Cesti
Alessandro Striggio
La Pellegrina

 
 

 

 

 

 

 

 

Opera

 

La storia dell'Opera

Ludovico Ottavio Burnacini

Ludovico Ottavio Burnacini (1636? - 1707), nato a Mantova. Architetto e scenografo, crea scene, costumi ed effetti per Il pomo d'oro. Dal '52 studia a Vienna con i tre fratelli. Sempre dal '52 serve presso la corte imperiale, per la quale in mezzo secolo realizza le scene di oltre cento opere, di solito con musiche di Draghi e su libretti di Minato.
Nella sesta scena del secondo atto la scenografia è la bocca spalancata grande come tutto il boccascena di un enorme mostro infernale. Nella bocca c'è la città di Dite in fiamme circondata dalle acque su cui naviga la barca di Caronte. Al termine della scena il pubblico non crede ai propri occhi: le fauci spalancate si chiudono a vista. Nella sesta scena del quarto atto appare la Via Lattea, quindi la Sfera del Fuoco con Venere trionfante. Città celesti splendono fra le nuvole che si aprono per le apparizioni divine. Tutto il quarto atto, con ben otto mutazioni, stupisce per i mai visti azzardi scenografici, resi possibili dalle nuove macchinerie. Alla fine dell'opera un altro stupefacente effetto: l'enorme torre che contiene il pomo d'oro crolla a vista.

 

Ludovico Burnacini Bozzetti per costumi

 

 

Copyright 2009 LATORRE EDITORE Il contenuto di queste pagine può essere utilizzato solo per uso personale e didattico info@operamondo.it