LATORRE EDITORE - ITALY

HOME

_____________________________________________________________

 
 

 

 

CATALOGO


LIBRETTI D'OPERA


LIBRI CARTACEI E EBOOK (gratis)


 

LIBRO+EBOOK GRATIS

ATTENZIONE BONUS! CHI COMPRA QUESTO LIBRO HA IL DIRITTO DI SCARICARE GRATUITAMENTE IL CORRISPONDENTE EBOOK ATTENTION BONUS! WHO BUY THIS BOOK HAS THE RIGHT TO DOWNLOAD THE EBOOK FOR FREE

Le parole dell'opera italiana più commovente. Parole per musica, per cantare. Parole semplici, capaci di toccare il cuore di ognuno. Mimì (Apre gli occhi, vede che sono tutti partiti e allunga la mano verso Rodolfo, che gliela bacia amorosamente.) Sono andati? Fingevo di dormire perché volli con te sola restare. Ho tante cose che ti voglio dire, o una sola, ma grande come il mare, come il mare profonda ed infinita... (Mette le braccia al collo di Rodolfo.) Sei il mio amore e tutta la mia vita!

 USUKDEFRESITJP


USUKDEFRESITNLJPBRCAMXAUIN




LIBRO+EBOOK GRATIS

ATTENZIONE BONUS! CHI COMPRA QUESTO LIBRO HA IL DIRITTO DI SCARICARE GRATUITAMENTE IL CORRISPONDENTE EBOOK ATTENTION BONUS! WHO BUY THIS BOOK HAS THE RIGHT TO DOWNLOAD THE EBOOK FOR FREE

Tosca: opera d'amore e morte. La storia appassionata della cantante Floria Tosca e del suo amante, il pittore Mario Cavaradossi, nel magico ambiente della Roma del 1800. Mentre in Europa infuriano i cannoni di Napoleone, angelo messaggero delle libertà francesi, nella Roma poliziesca dei papi/re neanche l'amore può esprimersi liberamente. Parole calde di passione: Cavaradossi (rimane alquanto pensieroso, quindi si mette a scrivere... ma dopo tracciate alcune linee è invaso dalle rimembranze, e si arresta dallo scrivere) (pensando) E lucevan le stelle... ed olezzava la terra... stridea l'uscio dell'orto... e un passo sfiorava la rena... Entrava ella, fragrante, mi cadea fra le braccia... Oh! dolci baci, o languide carezze, mentr'io fremente le belle forme disciogliea dai veli! Svanì per sempre il sogno mio d'amore... L'ora è fuggita... E muoio disperato! E non ho amato mai tanto la vita!...


USUKDEFRESITJP


USUKDEFRESITNLJPBRCAMXAUIN



LIBRO+EBOOK GRATIS

ATTENZIONE BONUS! CHI COMPRA QUESTO LIBRO HA IL DIRITTO DI SCARICARE GRATUITAMENTE IL CORRISPONDENTE EBOOK ATTENTION BONUS! WHO BUY THIS BOOK HAS THE RIGHT TO DOWNLOAD THE EBOOK FOR FREE

La traviata è un'opera in tre atti di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave. È basata su La signora delle camelie, opera teatrale di Alexandre Dumas (figlio), che lo stesso autore trasse dal suo precedente omonimo romanzo. Viene considerata parte di una cosiddetta "trilogia popolare" di Verdi, assieme a Il trovatore e a Rigoletto. Fu in parte composta nella villa degli editori Ricordi a Cadenabbia, sul lago di Como. La prima rappresentazione avvenne al Teatro La Fenice il 6 marzo 1853 ma, a causa forse di interpreti carenti e - probabilmente - per il soggetto allora considerato scabroso, non si rivelò il successo che il suo autore si attendeva[1]; fu ripresa il 6 maggio dell'anno successivo a Venezia al Teatro San Benedetto in una versione rielaborata e con interpreti più validi, come Maria Spezia Aldighieri e finalmente, diretta dal compositore, riscosse il meritato successo. A causa della critica alla società borghese, l'opera, nei teatri di Firenze, Bologna, Parma (10 gennaio 1855 nel Teatro Regio di Parma come Violetta), Napoli e Roma, fu rimaneggiata dalla censura e messa in scena con alcuni pezzi totalmente stravolti. Sempre per sfuggire alla censura, l'opera dovette essere spostata come ambientazione cronologica dal XIX al XVIII secolo. Secondo i dati pubblicati da Operabase nel 2013 è l'opera più rappresentata al mondo nelle ultime cinque stagioni, con 629 recite.

USUKDEFRESITJP


USUKDEFRESITNLJPBRCAMXAUIN




LIBRO+EBOOK GRATIS
ATTENZIONE BONUS! CHI COMPRA QUESTO LIBRO HA IL DIRITTO DI SCARICARE GRATUITAMENTE IL CORRISPONDENTE EBOOK ATTENTION BONUS! WHO BUY THIS BOOK HAS THE RIGHT TO DOWNLOAD THE EBOOK FOR FREE

Una delle più amate opere di Giuseppe Verdi, il genio musicale italiano... ma rendiamo onore anche al librettista Antonio Ghislanzoni, che ha trovato le parole giuste, sapide d'Oriente, per ispirare il grande maestro. Aida è un'opera in quattro atti di Giuseppe Verdi, su libretto di Antonio Ghislanzoni, basata su un soggetto originale dell'archeologo francese Auguste Mariette. Isma'il Pascià, Chedivè d'Egitto, commissionò un inno a Verdi per celebrare l'apertura del Canale di Suez (1868) nel 1860, offrendo un compenso di 80.000 franchi, ma Verdi rifiutò, dicendo che non scriveva musica d'occasione. Invece, quando venne l'invito (Mariette mandò uno schema di libretto su un soggetto egiziano a Camille du Locle, direttore dell'Opéra-Comique di Parigi che lo sottopose a Verdi, che trovò la storia valida) a comporre un'opera per l'inaugurazione del nuovo teatro de Il Cairo, Verdi accettò. Il 27 aprile 1870 Mariette scriveva a du Locle: «Ciò che il Viceré vuole è un'opera egiziana esclusivamente storica. Le scene saranno basate su descrizioni storiche, i costumi saranno disegnati avendo i bassorilievi dell'alto Egitto come modello». La prima dell'opera fu ritardata a causa della guerra franco-prussiana, dato che i costumi e le scene erano a Parigi sotto assedio. Il teatro del Cairo s'inaugurò invece con Rigoletto nel 1869. Quando finalmente la prima ebbe luogo ottenne un enorme successo e ancora oggi continua ad essere una delle opere liriche più famose. Verdi raggiunse un effetto sensazionale con l'utilizzo, nella Marcia trionfale, di lunghe trombe, del tipo delle trombe egiziane o delle buccine romane («...com'erano le Trombe nei tempi antichi»), appositamente ricostruite per l'occasione, ma dotate di un unico pistoncino nascosto da un panno a forma di vessillo o gagliardetto. La prima rappresentazione avvenne quindi al Teatro dell'Opera del Cairo il 24 dicembre 1871, diretta da Giovanni Bottesini. Per l'anteprima italiana sotto la sua diretta supervisione, Verdi scrisse una ouverture, che però alla fine non venne eseguita per un ripensamento, considerando il breve preludio più organico ed efficace.

US
UKDEFRESITJP


USUKDEFRESITNLJPBRCAMXAUIN



 

_________________________________________________________ 

Copyright 2018 LATORRE EDITORE     redazione@latorre-editore.it

339 22 50 407

_________________________________________________________